Scuole Migranti

tipo

Educazione e Intercultura  vai all'Intervista

località

In Provincia di Varese. Le scuole che aderiscono al progetto risiedono nei comuni di Albizzate; Besnate; Cavaria con Premezzo; Casorate Sempione; Gallarate; ; Varese.

beneficiari

Scuole primarie, secondarie di primo grado e Licei di Scienze Sociali
- 600 studenti e 60 insegnanti direttamente coinvolti nei percorsi educativi
- 1 associazione di migranti direttamente coinvolta nella programmazione e nello svolgimento dei laboratori
- 6000 persone sensibilizzate dal progetto

obiettivo

- Promuovere integrazione sociale e multiculturalità superando stereotipi e pregiudizi legati alla provenienza e diffondendo una cultura della diversità vista come risorsa
- Favorire esperienze di benessere soggettivo di singoli a rischio di emarginazione che inneschino dei processi virtuosi per la comunità di riferimento.
- Responsabilizzare le nuove generazioni ad un atteggiamento di partecipazione sociale attivo e a una visione propositiva del proprio agire.

budget

20.800 euro di cui 14.100 sono di cofinanziamento dalla Commissione Regionale di Coordinamento della Progettazione Sociale della Lombardia.

avanzamento

In corso. Durata: 1 settembre 2012- 31 agosto 2013


Il Progetto “ Scuole Migranti.Oltre i pregiudizi per l'incontro tra culture nella storia e nella società di oggi” intende offrire ad alunni e insegnanti un’occasione per contribuire attivamente a superare i pregiudizi nelle classi multiculturali tra studenti di diversa provenienza attraverso la valorizzazione dei singoli e la ricerca dell’identità di ciascuno.

Azioni

Laboratori di educazione alla cittadinanza globale per le Scuole Primarie e Secondarie di Primo Grado sviluppati in 3 incontri
1-Migrazioni nella storia: flussi, numeri, provenienze motivazioni

2-Gioco educativo per sperimentare diverse identità e storie di migrazione;
3-Visita di istruzione sul modello di Città Migrande (www.cittamigrande.it)

Proposte di tirocinio per i Licei di Scienze Sociali
Attraverso una formazione specifica tenuta da Nessuno Escluso Onlus gli studenti dei Licei sono coinvolti nel progetto come parte attiva all’interno dei laboratori di educazione alla cittadinanza globale svolti all’interno delle scuole in qualità di formatori tirocinanti.

Eventi di conoscenza e sensibilizzazione aperti a tutti                                                          

-       Eventi "Scuola Aperta"
Un momento dedicato in cui le classi coinvolte dal progetto mettono in mostra il percorso vissuto attraverso il recupero della memoria, storie, immagini e pensieri sul tema della migrazione.

-       Percorso in città tra migrazioni di ieri e di oggi
Una passeggiata per la città di Varese nei luoghi di cambiamento della città tra ieri e oggi sul modello di Città Migrande (www.cittamigrande.it)

-       Feste ed eventi interculturali: in collaborazione con volontari e associazioni partner di progetto.



foto laboratori

Progetto promosso da:

Nessuno Escluso Onlus

Associazione Fiori di Oggiona con Santo Stefano

In collaborazione con:Sistema Bibliotecario Consortile A. Panizzi di Gallarate, Gruppo Scout Agesci Gallarate1Gruppo Scout Agesci Varese 1,Associazione Provinciale Pakistani Varesini,Gas Officina Varese - gruppo di acquisto solidale

 



PASSEGGIATE INTERCULTURALI A VARESE
Scritto da Federica Turetta   
Martedì 28 Maggio 2013 13:26

Maggio è tempo di gite scolastiche; con le lezioni oramai agli sgoccioli le classi che hanno aderito al progetto “Scuole Migranti" hanno concluso il percorso iniziato in aula con la tanto attesa visita a Varese.

Partenza presso la stazione Ferrovie dello Stato:

1 Tappa - alla scoperta dell’attuale mercato di Varese e delle persone che ci lavorano:
Nadia dal Marocco che vende biancheria e tappeti per la casa, Mohammed e le sue mille perline colorate, Andrea vende il pane presso il banco "A putia" insieme a vari prodotti tipici siciliani.

2 Tappa- alla ricerca dei mercati storici di Varese: un tuffo nel passato con l'aiuto di mappe antiche della città e curiose fotografie d'epoca.

3 tappa-visita nei negozi del centro gestiti da stranieri
Pacific Market di Antonio, di origine cinese, da 15 anni vende cibi provenienti da tutto il mondo

Asian And Soudamerican Market di Bapary in via Avegno, un piccolo negozio che con i suoi prodotti ci fa viaggiare in tantissimi paesi

TeainItaly di Luca e Taeko, lui italiano e lei giapponese aprono un negozio dedicato al tè, in tutte le sue varianti e qualità.

alt

 

Che cosè la passeggiata "Varese Migranda"?

Si tratta di un percorso di visita della città di Varese studiato sul modello di Città Migrande (http://www.cittamigrande.it) che prevede un itinerario che tiene conto di una prospettiva storico artistica ma anche di una componente sociologica per poter rileggere correttamente la situazione attuale della migrazione presente a Varese.

Il percorso mette in evidenza quali sono stati e quali sono all’oggi i principali luoghi di scambio: piazze, mercati, vie stazioni e negozi che riuniscono e fanno incontrare persone di diverse nazionalità, culture e tradizioni.

alt

 _____________________________________________________________________________________

 
Fine primo tempo
Scritto da Federica Turetta   
Sabato 18 Maggio 2013 22:05

Fine primo tempo!

Il 4 marzo si è conclusa la prima fase del progetto, che comprendeva la messa in atto di due incontri per classe, il primo, un viaggio nella migrazione di ieri e di oggi, il secondo, un'esperienza di migrazione nelle divertenti dinamiche del gioco cooperativo.

A breve comincerà l'ultimo atto, una gita di formazione molto particolare nella città di Varese, ma prima di affrontare ciò che resta, vogliamo volgere lo sguardo indietro per restituire qualcosa dalle voci dei ragazzi e dei volontari:

 

Ho conosciuto l’associazione Nessuno Escluso quest’anno proprio grazie alla mia partecipazione come volontaria al progetto “Scuole migranti”. I laboratori che abbiamo creato e che abbiamo proposto alle classi partecipanti al progetto hanno permesso ai ragazzi di addentrarsi in un tema tanto vicino quanto lontano da loro, vicino perché ha riguardato la loro storia, le loro radici e le loro origini, lontano perché nonostante siano immersi in una cultura poche volte hanno la possibilità di fermarsi e riflettere su quello che li circonda.

I ragazzi hanno potuto sperimentare come facciano parte di un'unica “mappa” geografica, in modo concreto perché effettivamente è stata usata una mappa, ma anche ideale perché il racconto di ogni singola storia di migrazione rendeva il mondo piccolo, lo faceva rientrare nelle quattro mura dell’aula scolastica. Con l’attività della “mappatura”, infatti, i bambini e ragazzi hanno potuto narrare ai compagni una parte della loro vita o della vita dei loro genitori e nonni che è rappresentata dal viaggio, dallo spostarsi da un luogo a un altro. Tracciando su una grande mappa la linea del viaggio si è formata una rete. Ogni singolo viaggio è stato valorizzato, sia quello più corto che da Legnano ha portato alla scuola, sia quello più lungo dove lo spostamento ha richiesto non solo un cambio di casa ma anche un cambiamento di tradizioni, cultura, lingua e punti di vista.

Dopo aver riflettuto sullo spazio si è riflettuto sul tempo: non solo il mondo entrava nell’aula ma anche la storia, il passato, evidenziando come il tempo scorra e porti con sé storie, fatti e vicende. Grazie alla creazione di una linea del tempo “animata” i ragazzi hanno potuto sperimentare fisicamente come le migrazioni hanno da sempre accompagnato la vita degli uomini, per motivi politici, economici e sociali. Grazie ad un filmato queste migrazioni hanno avuto un volto, una voce a volte giovane ma con un accento diverso dal loro, altre volte già rauca ma con una parlata che hanno riconosciuto essere simile alla loro.

Con il secondo laboratorio, i ragazzi hanno avuto l’occasione di sperimentare cosa significa “migrare” e i motivi che possono spingere una persona a lasciare la propria squadra, per esempio “il paese azzurro” con tanti abitanti ma con poco lavoro per tutti, per andare nel “paese rosso” dove tutti gli abitanti riuscivano ad avere lavoro, istruzione, salute, casa e cibo.

Come ultima tappa i ragazzi stanno osservando nella città di Varese i segni delle migrazioni, quelle del passato e quelle di oggi, stanno osservando come il territorio è cambiato nel corso degli anni e come sta cambiando accogliendo nuovi arrivi e di conseguenza anche nuove usanze e abitudini grazie alla disponibilità di tante persone che accolgono i ragazzi nei loro negozi o davanti alle bancarelle del mercato.

Credo che l’esperienza che le classi hanno vissuto sia stata stimolante, formativa ed entusiasmante, assolutamente da riproporre!

Maria Grazia

 
INIZIANO I LABORATORI DEL PROGETTO "SCUOLE MIGRANTI"
Scritto da Federica Turetta   
Martedì 18 Dicembre 2012 22:32

I laboratori del progetto Scuole Migranti sono cominciati da un mese, era il 19 di novembre quando i volontari di Nessuno Escluso Onlus hanno dato inizio ai primi percorsi di educazione alla cittadinanza mondiale nelle scuole della provincia di Varese.

Incontri che, grazie al recupero della memoria della storia familiare di ogni ragazzo, portano gli studenti delle classi ad affrontare il tema delle migrazioni come una costante della storia dell'umanità.

Costruendo una mappa migratoria della classe si parte per un viaggio alla scoperta delle migrazioni di ieri e di oggi; in un secondo incontro i ragazzi vengono invitati a riflettere sulle cause e le conseguenze dei flussi migratori grazie ad un gioco dove si trovano a sperimentare varie situazioni da paesi diversi.

Il percorso si concluderà nel mese di maggio 2013 con una visita nella città di Varese molto particolare...

I formatori del progetto Scuole Migranti fanno parte di Nessuno Escluso Onlus e dell'associazione I Fiori di Oggiona con S.Stefano, un'APV nata da un gruppo di migranti che intende operare a favore dell'integrazione e per la salvaguardia di tutte le culture.

Il percorso dei laboratori è stato pensato e creato interamente da questo gruppo di ragazzi, tra i 20 e i 30 anni, italiani e stranieri, appassionati di educazione e fermamente convinti che la differenza può diventare ricchezza e scambio reciproco.

scuole che aderiscono

Le scuole che aderiscono al progetto:

Istituto comprensivo Dante di Gallarate
Scuola secondaria di primo grado: classi 1^E; 1^D; 2^B

Istituto comprensivo E. Fermi di Cavaria con Premezzo
Scuola secondaria di primo grado: classi 1^A; 1^B

Scuola primaria: classi 5^A ;5^B

Istituto comprensivo A.Toscanini di Casorate
Scuola secondaria di primo grado: classi 1^A; 1^B

Scuola primaria Dante Alighieri di Besnate: 5^A; 5B

Istituto Comprensivo S. Pellico di Varese
Scuola secondaria di primo grado: classi 2^A; 2^B,2^C, 1^C

Scuola primaria Dante Alighieri di Albizzate e di Valdarno: 3 classi 5

Per informazioni sulla modalità di adesione chiamare il 320 2834342
o scrivere una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 locandina scuole migranti

 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 2

Nessuno Escluso Onlus

Sede:
Via Scipione Ronchetti, 325
21044 Cavaria con Premezzo, Va

 

Cell +39 327 1216985
E-mail
nessunoescluso@nessunoesclusoonlus.it

C.F. 91028220126

Questo lavoro è sotto Creative Commons 2.5 Italia License 2019 NessunoEsclusoOnlus.it cc


Costruito con Joomla! software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL e free template Lawn Care.